12048916_10207645295799957_1504060266_n

SESAMO

Questo minuscolo seme, ingrediente assai comune e gradito in molti prodotti da forno (pane, grissini, gallette, biscotti), è ricco di preziosi elementi nutritivi. Di grassi benefici innanzitutto: circa il 50% del sesamo (ma alcune varietà ne contengono anche il 60%) è costituito da lipidi pregiati, composti per l’84% da acidi grassi insaturi che abbassano la colesterolemia e prevengono l’arteriosclerosi, entrano nella composizione del sistema nervoso e della parete cellulare, hanno importanti proprietà antinfiammatorie e prevengono (e aiutano la terapia di) diverse patologie croniche, non solo le malattie cardiovascolari, ma anche le artropatie infiammatorie, le allergie e intolleranze, quelle provocate dall’inquinamento ambientale, il diabete, ecc.). Le proteine (25% del seme) contengono buone quantità di aminoacidi essenziali e per questo l’aggiunta di sesamo ai prodotti a base di cereali ne migliora notevolmente le qualità nutrizionali. I semi di sesamo sono anche un’ottima fonte di calcio e di molti altri minerali. Il sesamo racchiude inoltre buone quantità di sostanze antiossidanti e in particolare di lignani. Presenti negli alimenti ricchi di fibre, i lignani hanno importanti proprietà anticancro (soprattutto nei confronti del tumore del seno), antibatteriche, antifungine e antivirali. Della sesamina, un lignano caratteristico e abbondante nel sesamo, sono stati dimostrati interessanti effetti antiossidanti che, tra l’altro, si rivelano utilissimi per evitare le alterazioni dei prodotti a base di sesamo (i lignani danno stabilità agli acidi grassi polinsaturi presenti nel seme: i grassi del sesamo non irrancidiscono facilmente). I lignani hanno positivi effetti anche sulla totalità del nostro organismo: rallentano l’invecchiamento delle cellule, ne allungano la vita funzionale e contrastano l’effetto dei radicali liberi. La sesamina ha inoltre dimostrato di inibire l’assorbimento intestinale del colesterolo e di modulare la produzione di colesterolo da parte del fegato.

Paolo Pigozzi
paolopigozzi.blogspot.it